Conegliano e Valdobbiadene – Capitali e confini

I due centri più importanti delle Colline del Prosecco sono senz’altro Conegliano e Valdobbiadene. Due città diverse eppure simili, con un denominatore comune che è l’antica coltura della vite.

colline UNESCO

Così antica che per la Repubblica di Venezia, Conegliano era “La cantina di San Marco” mentre Valdobbiadene veniva definita da Venanzio Fortunato (530-603, ultimo grande poeta latino) terra su cui “eternamente fiorisce la vite sotto la montagna dalla nuda sommità ove il verde ombroso protegge e ristora”.

Non è un caso che le due città siano unite dalla Strada del Prosecco che le collega attraversando tutto il sito Patrimonio Unesco in un susseguirsi di vigneti, borghi e colli che sono anche elementi comuni dei due paesi.

Conegliano1

Conegliano, città murata sorta intorno al suo castello medievale, i cui splendori rinascimentali sono ancora impressi nei suoi signorili palazzi e le loro facciate dipinte, ma nella quale è anche sorta, nel 1876, la prima Scuola Enologica, oggi anche sede di un Campus dell’Università di Padova e di importanti istituti di ricerca in materia vitivinicola ed enologica.

Conegliano2

Valdobbiadene non è cinta da mura ma protetta dalla mole del Monte Cesen e in aperta comunicazione con le sue borgate e le sue frazioni: un tessuto urbano senza confine tra centro e periferia, nella cui grande piazza principale confluiscono sei strade che lambiscono anche le borgate, i campi e i vigneti più suggestivi ed impervi.

Valdobbiadene2

Conegliano e Valdobbiadene possono essere considerate a tutti gli effetti le due capitali del sito Unesco pur essendone naturalmente i confini longitudinali e non il centro…

Testi di Marina Grasso e Gianni Moriani, raccolti dalla rivista enoturistica Visit Conegliano Valdobbiadene (Speciale Unesco 2019)

Valdobbiadene1
Articolo precedenteLE COLLINE DELL’UNESCO – 9
Articolo successivoLE COLLINE DELL’UNESCO – 11

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui