Cosa
Categoria
FILTRA PER
Categoria

Cultura e Spettacolo
Eno-Gastronomia
Feste e sagre
Sport Natura


Quando
Questa settimana
Oggi
Venerdì 05 Giugno
Domani
Sabato 06 Giugno
Weekend
05 Giugno - 07 Giugno
Questa settimana
01 Giugno - 07 Giugno
Prossima settimana
08 Giugno - 14 Giugno
Questo mese
01 Giugno - 30 Giugno
Prossimo mese
01 Luglio - 31 Luglio
Dove
Comune
FILTRA PER
Comune

Cappella Maggiore
Cison di Valmarino
Conegliano
CORDIGNANO
Farra di Soligo
Follina
Fregona
Miane
Moriago della Battaglia
Pieve di Soligo
Refrontolo
Revine Lago
San Pietro di Feletto
Sarmede
Segusino
Sernaglia della Battaglia
Susegana
Tarzo
Valdobbiadene
Vidor
Vittorio Veneto



Blog




07 Maggio 2020 - 07 Settembre 2020
Sport Natura
Moriago della Battaglia
Chiesa di Mosnigo

Passeggiata a Mosnigo - I Palù

In seguito all'allentamento delle misure restrittive dovute all'emergenza sanitaria, ora possiamo finalmente camminare all'aria aperta, purché non in gruppo e mantenendo le distanze di sicurezza.

Il Consorzio Pro Loco Quartier del Piave ha riscoperto 21 passeggiate nei Comuni del QdP e Vallata (raccolte nel 2006 con il contributo delle nostre Pro Loco), splendidi itinerari per ammirare il nostro territorio.

PASSEGGIATA A MOSNIGO - I PALÙ

Difficoltà: bassa
Tempo di percorrenza: 
1 ora circa (variabile a seconda dei percorsi scelti)
Abbigliamento: 
comodo con scarpe sportive
Periodo consigliato: 
tutto l'anno

Questo itinerario naturalistico può partire dalla chiesa di Mosnigo, che risale al 1590, e nel corso dei secoli è stata più volte restaurata. L'attuale chiesa venne eretta nel 1865 dalla pietà dei fedeli e con l'offerta di 900 lire austriache dell'imperatrice Marianna d'Austria. Lasciando la chiesa alle spalle, proseguire per via Chiesa e girare a destra in via Don Tarcisio Salton e voltare nuovamente a destra in via Todoverto per inoltrarsi, attraverso strade di campagna, nel parco dei Palù.

L'area dei Palù è un esempio, unico nel suo genere, di parco naturale formato da recinti di natura vegetale, detti campi chiusi, dove si trovano ontani, querce, salici, noccioli e platani. L'area fu bonificata intorno al 1300 dai frati benedettini, seguiti poi dai Cistercensi e dai Camaldolesi.

Dopo 200 metri circa, si trova un bivio. Girando a destra si prosegue fino ad arrivare ad un antico lavatoio, mentre mantenendosi a sinistra si prosegue verso Col San Martino. Si torna al punto di partenza percorrendo lo stesso percorso.





Aggiungi al calendario


Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok