Cosa
Categoria
FILTRA PER
Categoria

Cultura e Spettacolo
Eno-Gastronomia
Feste e sagre
Sport Natura


Quando
Questa settimana
Oggi
Lunedì 20 Maggio
Domani
Martedì 21 Maggio
Weekend
24 Maggio - 26 Maggio
Questa settimana
20 Maggio - 26 Maggio
Prossima settimana
27 Maggio - 02 Giugno
Questo mese
01 Maggio - 31 Maggio
Prossimo mese
01 Giugno - 30 Giugno
Dove
Comune
FILTRA PER
Comune

Cappella Maggiore
Cison di Valmarino
Codognè
Colle Umberto
Conegliano
Cordignano
Farra di Soligo
Follina
Fregona
Mareno di Piave
Miane
Moriago della Battaglia
Orsago
Pieve di Soligo
Refrontolo
Revine Lago
San Fior
San Pietro di Feletto
San Vendemiano
Santa Lucia di Piave
Sarmede
Segusino
Sernaglia della Battaglia
Susegana
Tarzo
Valdobbiadene
Vazzola
Vidor
Vittorio Veneto



Blog




23 Gennaio 2024 - 23 Gennaio 2024
Cultura e Spettacolo
Conegliano
Teatro Accademia - Conegliano

Il duce delinquente

Il duce delinquente

Spettacolo con Aldo Cazzullo e Moni Ovadia

Teatro Accademia, Conegliano

Ritorna la stagione teatrale al Teatro Accademia con 10 imperdibili rappresentazioni teatrali per il 2023/2024 con inizio alle ore 21.00.

Il quarto spettacolo teatrale è organizzato per mercoledì 23 gennaio 2024 ed è intitolato "Il duce delinquente", con protagonisti principali Aldo Cazzullo e Moni Ovadia.

La maggioranza degli italiani pensa che Mussolini fino al 1938 le abbia azzeccate quasi tutte, fino all’errore dell'alleanza con Hitler, delle leggi razziali, della guerra. Dimostreremo che non è così. Prima del 1938, Mussolini aveva provocato la morte di Gobetti, Gramsci, Matteotti, Amendola, dei fratelli Rosselli e di don Minzoni.
Aveva fatto morire in manicomio il proprio figlio, e la donna che aveva amato. Aveva preso e mantenuto il potere nel sangue, perseguitando oppositori e omosessuali, imponendo un clima plumbeo e conformista. Aveva chiuso i libici in campo di concentramento, gasato gli abissini, bombardato gli spagnoli. Si era dimostrato uomo narcisista e cattivo. La guerra non è un impazzimento; è lo sbocco naturale del fascismo.
Una storia a due voci: Aldo Cazzullo racconta, Moni Ovadia legge i testi del Duce e delle sue vittime. Con musiche e canzoni dell’epoca. Alla fine capiremo perché dobbiamo vergognarci del fascismo. Ed essere orgogliosi dei resistenti che l'hanno combattuto.

La partecipazione è a pagamento ed è possibile acquistare i titoli presso la biglietteria, aperta dal 16 al 27 ottobre, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00.


Maggiori informazioni sugli spettacoli e per le prenotazioni è possibile consultare il sito internet del Teatro Accademia https://www.teatroaccademia.it/.

 
 
 




Aggiungi al calendario


Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok