Cosa
Categoria
FILTRA PER
Categoria

Cultura e Spettacolo
Eno-Gastronomia
Feste e sagre
Sport Natura


Quando
Questa settimana
Oggi
Mercoledì 21 Ottobre
Domani
Giovedì 22 Ottobre
Weekend
23 Ottobre - 25 Ottobre
Questa settimana
19 Ottobre - 25 Ottobre
Prossima settimana
26 Ottobre - 01 Novembre
Questo mese
01 Ottobre - 31 Ottobre
Prossimo mese
01 Novembre - 30 Novembre
Dove
Comune
FILTRA PER
Comune

Cappella Maggiore
Cison di Valmarino
Conegliano
Cordignano
Farra di Soligo
Follina
Fregona
Miane
Moriago della Battaglia
Pieve di Soligo
Refrontolo
Revine Lago
San Pietro di Feletto
Sarmede
Segusino
Sernaglia della Battaglia
Susegana
Tarzo
Valdobbiadene
Vidor
Vittorio Veneto



Blog




25 Settembre 2020 - 31 Ottobre 2020
Cultura e Spettacolo - Proloco
Farra di Soligo
Farra di Soligo

Curiosità storica su Farra di Soligo

Curiosità storica su Farra di Soligo!

Negli ultimi decenni del secolo scorso il territorio di Farra fu interessato da rinvenimenti preistorici.
In particolare...
Si tratta poco più di una ventina di iscrizioni la maggior parte su pietra arenaria locale, alcune su cotto.
Alcuni le definiscono un “rompicapo interpretativo”, altri parlano di pietre misteriose.
A Farra queste pietre sono sparse ovunque sopratutto nelle adiacenze di Villa Caragiani-Badoer ma anche nei campanili di Santo Stefano, della Madonna dei Brolo, di San Lorenzo.
A quanto è dato sapere questi massi e cotti recanti le incisioni tappezzavano una grotta situata nei pressi della villa dei Conti Caragiani-Badoer.
Riportiamo parte del brano scritto nel 1925 dallo studioso Oreste Battistella che scoprì la presenza di questi massi:
“I conti Caragiani avevano fatto demolire, per la costruzione di una nuova fattoria, alcune vecchie case a Farra di Soligo adiacenti la loro Villa dove erano infissi dei massi calcarei e mattoni scolpiti.
Con raccapriccio lo studioso notò che questi massi erano dispersi nell’orto in mezzo ad altri materiali da costruzione. Di questi massi se ne presero cura anche Pellegrini e Prosdocimi che avanzarono però dei dubbi sull’autenticità delle incisioni.”
Molti ricercatori aprirono un dibattito circa la lingua e la provenienza di queste incisioni.
In anni più recenti lo studioso L. Ghizzo ha preso dei calchi in gesso di alcune incisioni custodite ora presso il museo di Crocetta del Montello: sono ricavabili 25 segni grafici, 6 dei quali si trovano associati con la stessa sequenza o in sequenza inversa .
Sotto alcune foto delle incisioni della chiesetta di San Lorenzo, della Madonna dei Broli, del campanile di Santo Stefano !
 
 
 

 




Aggiungi al calendario


Utilizzando il sito web, accetti il nostro uso dei cookie, per una tua migliore esperienza di navigazione. Maggiori informazioni Ok