Sarà come al solito il suggestivo borgo di Revine Lago la cornice del Lago Film Fest, giunto quest’anno alla sua diciottesima edizione. Il festival del cinema indipendente si terrà dal 22 al 30 luglio 2022 con 160 film provenienti da 45 paesi.

“Nato nel 2005 nella suggestiva località lacustre di Lago, il Lago Film Fest è un festival indipendente di cinema di ricerca”.

Stiamo parlando di 71 anteprime nazionali, 7 internazionali e 2 mondiali, si tratterà di 9 giorni di proiezioni in riva al lago ma non solo.

La rassegna propone infatti anche un ampio programma di incontri e masterclass dedicati al cinema del futuro, laboratori per adulti e bambini, fireworks e focus tematici con ospiti italiani e internazionali e performance a sorpresa.

Se non conoscete questo luogo incantato questa è l’occasione più speciale per scoprirlo: rimarrete a bocca aperta tra i suoi vicoli medievali catapultati in un’esperienza di immersione nel cinema, nell’arte e nella musica.

– Per i suoi diciotto anni, Lago Film Fest diventa festival internazionale di cinemadi ricerca”, con la volontà di mappare le traiettorie dell’arte cinematografica del futuro e diventare la casa dei giovani talenti del cinema mondiale.

Abbiamo voluto in questo modo asserire il valore della ricerca come azione collettiva, proiettata verso il futuro, ma allo stesso tempo consapevole del proprio passato, e che tenta di tracciare delle rotte in acque sconosciute”, hanno commentato Alessandro Del Re, co-direttore artistico della rassegna assieme a Mirta Ursula Gariboldi e Morena Faverin. “La posizione che abbiamo voluto riaffermare è quella della difesa di una certa idea di cinema: aperto, plurale e proteiforme, senza per questo aver bisogno di affermare una tesi, ma abbracciando il dubbio e la contraddizione, conscз nella dialettica che l’arte, per sua natura, fa emergere. Quello che abbiamo voluto costruire è un festival che abbia bisogno dell’incontro e del confronto sui temi e sulle forme per r-esistere, un festival che possa riaffermare il senso di comunità attraverso la comune condivisione di prospettive sul contemporaneo”.

Ecco il video di presentazione del diciottesimo Lago Film Fest:

Le tipologie dei biglietti

“Eh ma chissà quanto si paga?” Niente di più sbagliato: i biglietti e gli abbonamenti sono assolutamente economici (e gratuiti per gli under 18).

Se comprate il biglietto on-line potrete saltare la fila e avere:

  • Per 10 euro Accesso a tutte le proiezioni di una singola giornata e – in caso di pioggia – accesso gratuito per 24h alla piattaforma per vedere i film in streaming di quella giornata (solo su territorio italiano).
  • Per 25 euro Accesso ai nove giorni del festival (tutte le proiezioni, gli incontri diurni e serali e le masterclass di L.O.S.T.) e alla piattaforma streaming per vedere i film del concorso da casa dal 22 luglio al 10 agosto (solo su territorio italiano).
  • Da 3 euro in su (si può effettuare una donazione a partire da 3€, decidendo quanto contribuire al festival a seconda delle proprie possibilità) L’abbonamento darà diritto alla visione online, solo su territorio italiano, dei cortometraggi in concorso fino al 10 agosto 2022. Ovviamente questo abbonamento NON dà diritto all’ingresso al festival.

Qui trovate il link per acquistare questi e altri accrediti per l’edizione 2022 del Lago Film Fest; tra questi, da quest’anno, c’è anche la possibilità di acquistare un abbonamento a vita!

I concorsi

Le candidature arrivate quest’anno sono state più di 3000 e ne sono state selezionate 102 che saranno in concorso nelle varie categorie:Moving Bodies, Nuovi Segni, Princìpî Award, Regione del Veneto, Concorso Nazionale, Concorso Internazionale, insieme a due concorsi dedicati ai più piccoli, Unicef Kids e Unicef Teens, e il concorso L.O.S.T. Lago Original Soundtrack alla migliore colonna sonora.

Tutti i film sono proiettati in lingua originale, sottotitolati in italiano.

Qui scoprite tutti i film in concorso.

La giuria

Importanti nomi internazionali compongono le giurie di quest’anno, a prevalenza femminile: Joana Sousa, direttrice di DocLisboa, uno dei festival di documentari più importanti al mondo; Elsa Charbit, direttrice di Entrevues de Belfort, secondo festival di cinema in Francia dietro a Cannes; Sarah Möller, direttrice di POOL, festival di videodanza berlinese tra i più importanti nel suo genere; Diana Cam Van Nguyen, astro nascente del cinema d’animazione, e Gesine Moog, ballerina contemporanea di fama internazionale.

Tra gli italiani in giuria anche Francesco Montagner, trevigiano d’origine e Pardo d’oro a Locarno con Brotherhood, recentemente distribuito in sala in Italia, e Rosa Palasciano, co-autrice e protagonista di Giulia di Ciro De Caro, candidata ai David di Donatello per la miglior interpretazione femminile.

I fuori concorso

Ci sarà poi un’ampia rassegna di proiezioni fuori concorso: proiezioni speciali, focus tematici e curatoriali e fireworks (retrospettive dedicate a giovani autori).

I fireworks sono dedicati quest’anno a quattro giovani filmmaker da tutto il mondo:

  • il regista boliviano Kiro Russo, premio della giuria all’ultima Mostra del Cinema di Venezia per El Gran Movimiento, che presenta in anteprima mondiale un cortometraggio inedito;
  • l’iraniana Mitra Farahani, regista e produttrice, tra gli altri, degli ultimi due film di Jean-Luc Godard, vincitrice del premio speciale alla giuria alla Berlinale 2022 con il film A Vendredì, Robinson, che porta tre cortometraggi di Ebrahim Golestan che ha restaurato insieme alla Cineteca di Bologna;
  • Payal Kapadia, vincitrice del Golden Eye Award come miglior film documentario al Festival di Cannes 2021 con A Night of Knowing Nothing, che cura anche una retrospettiva sui nuovi talenti del cinema indiano;
  • Tomàs Pichardo-Espaillat, importante animatore dominicano che ha già collaborato in Italia con varie fondazioni ed enti tra cui FABRICA a Treviso.

Qui scoprite tutti i film fuori concorso.

La musica

Tra i tanti appuntamenti di “dialogo” tra cinema e musica segnaliamo la masterclass sul sound design a cura di Mirko Perri, tre volte vincitore del David di Donatello nella categoria Miglior Suono, con due nomination nel 2022 per È Stata la Mano di Dio di Paolo Sorrentino e Freaks Out di Gabriele Mainetti e la presentazione in anteprima assoluta di Caravan, documentario di Alberto Gottardo e Francesca Sironi, dedicato a IRA, ultimo album del cantautore, produttore e compositore IOSONOUNCANE.

Premio Rodolfo Sonego

Come ogni anno non poteva mancare la tappa del Premio Rodolfo Sonego, il concorso per sceneggiature di commedia pensato e organizzato da Piattaforma Lago.

Tra gli ospiti di quest’anno: Massimo Gaudioso, storico sceneggiatore, tra gli altri, dei film di Matteo Garrone, con cui ha scritto Gomorra vincendo il premio miglior sceneggiatura agli European Film Awards, e tre volte vincitore del David di Donatello per la miglior sceneggiatura; Luca Vendruscolo, co-autore della serie televisiva Boris; Marco Alessi,  tra i più importanti produttori italiani degli ultimi anni, CEO di Dugong Films, con la quale ha prodotto, tra gli altri, Atlantide di Yuri Ancarani e Simona Nobile, importante sceneggiatura molto attiva tra televisione e cinema, come vincitori della sezione per soggetti di lungometraggio; Silvia Napolitano, sceneggiatrice napoletana residente a Roma che ha scritto per la televisione, tra gli altri, I Bastardi di Pizzofalcone e per il cinema ha lavorato con Peter Del Monte e Marco Risi.

Torna al festival come ospite speciale Silvia D’Amico, attrice di fama internazionale che solo nell’ultimo anno ha lavorato come protagonista nelle serie televisive Christian di Stefano Lodovichi e A casa tutti bene di Gabriele Muccino, e nella sua carriera cinematografica ha lavorato con Claudio Caligari, Paolo Genovese e Daniele Luchetti, tra gli altri.

Barefoot Industry Days

I Barefoot Industry Days saranno due giorni dedicati ai professionisti del mondo del cinema con pitch, incontri one-on-one sui pedalò sul lago, tavole rotonde, laboratori a gruppi, talk e masterclass. Il tema di quest’anno è il decentramento: il focus è posto sui modi, gli strumenti e i buoni esempi per fare cinema al di fuori dei grandi centri abitati e, nello specifico, all’interno delle microcomunità sparse sul territorio italiano ed europeo.

Qui scoprite il programma dettagliato dei Barefoot Industry Days.

Kids & Teens

Saranno 37 i film dedicati a kids & teens, gli “spettatori del futuro”. I concorsi patrocinati dall’Unicef, saranno votati direttamente dai bambini.

Tutti i giorni

Ecco cosa trovate al Lago Film Fest 18 tutti i giorni dal 22 al 30 luglio 2022:

Progetto grafico

Lago Film Fest si riconferma un appuntamento annuale con il cinema internazionale del presente e del futuro che si distingue per la qualità dei contenuti e per le coinvolgenti modalità di fruizione, in grado di trasformare il paesaggio e le acque di Lago nel perfetto ecosistema per l’evoluzione dell’immagine in movimento. Un’identità anfibia, quella di Lago, che è anche al centro dell’immagine guida della nuova edizione del festival, firmata da Piero Percoco che torna a Revine Lago con un progetto fotografico inedito incentrato sul rapporto tra l’ecosistema lacustre e i suoi frequentatori (disponibile sul sito dedicato nuovevisioni.com).

Trovate tutti gli aggiornamenti nelle pagine Facebook e Instagram del LFF, tutto ma proprio tutto nel sito web, e altri contenuti video nel canale YouTube dedicato.

VIADebora Donadel
Articolo precedenteFarra di Soligo, Follina e San Pietro di Feletto: i nostri paesi cent’anni fa
Articolo successivoFino al 7 agosto a Tarzo vi aspetta la quarantacinquesima edizione della Festa dell’Emigrante e i Cortili dell’Arte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui